Condividi su

 Don Marco Masoni sarà il nuovo parroco di Cambiasca, Aurano, Caprezzo, Intragna e Miazzina. Lo ha annunciato il vescovo alle comunità con una lettera nelle messe festive e prefestive di questo fine settimana.

Don Lovati dal Ciad al Verbano

Il cammino delle cinque comunità, ora, proseguirà insieme a quelle di Trobaso, Renco, Unchio e Cossogno dove già don Masoni era parroco.

Ad affiancarlo temporaneamente in questo impegnativo servizio sarà – oltre a don Riccardo Bonacci e al diacono permanente Emanuele Bonanno che già collaboravano con lui – don Benoit Lovati, sacerdote rientrato in Italia nella scorsa estate, dopo un’esperienza di 14 anni da missionario nella parrocchia di Bissi Mafou in Ciad, dove storicamente operano fidei donum novaresi e che attualmente vede ancora impegnati don Nur El Din Nassar e don Fabrizio Scopa.

Don Lovati con i ragazzi di Bissi Mafou in Ciad

Il nuovo incarico a Miazzina

Don Masoni si occupava già dallo scorso aprile della cura pastorale di Miazzina: da quando era scomparso improvvisamente il parroco don Antonio Nicola, che aveva guidato la comunità per oltre 40 anni. Allora, il vescovo gli aveva affidato l’incarico della celebrazione delle messe e dall’accompagnamento spirituale e pastorale, nominando amministratore parrocchiale don Gianmario Lanfranchini, vicario episcopale dei Laghi. Ora la nomina ufficiale a parroco.

La gratitudine per don Giorgio Naranza

A Cambiasca, Aurano, Caprezzo e Intragna don Masoni prende il testimone da don Giorgio Naranza, da qualche tempo ospite della casa di Casa del clero nell’Istituto “Pia Casa della Divina Provvidenza” a Novara. «Don Giorgio – scrive il vescovo – sta vivendo un tempo particolarmente delicato a causa della salute malferma che gli impedisce di poter accompagnare e seguire la vita pastorale delle vostre comunità come ha fatto con grande impegno e dedizione per trentatré anni prima a Cambiasca e poi anche nelle altre vostre parrocchie della Valle Intrasca.  Desidero ringraziarlo di cuore per l’esemplare zelo e passione pastorale con i quali si è speso tra voi in tanti anni. Vi invito a continuare ad accompagnarlo con la vostra preghiera mentre sono certo che la vostra riconoscenza non mancherà di fargli sentire la vostra amicizia e premura».

Un cammino insieme

L’augurio del vescovo per i fedeli delle parrocchie del Verbano, è quello di un cammino insieme, che trasformi in ricchezza e corresponsabilità le difficoltà derivanti dal calo delle vocazioni e del numero dei sacerdoti.

«Ringrazio don Marco – si legge nelle lettere – per la generosità con cui ha accolto la mia proposta con la certezza che, insieme agli altri sacerdoti, al diacono e soprattutto ai preziosi collaboratori che ci sono nelle vostre comunità saprete essere un modello per tutti di una chiesa che cammina nella comunione, desiderosa di annunciare e testimoniare il Vangelo nel vostro territorio».

La nomina a parroco per don Masoni diventerà effettiva il prossimo 1° ottobre. «Deciderete  insieme al Vicario episcopale del territorio – conclude mons. Brambilla – la data più opportuna per l’accoglienza ufficiale tra voi».

Condividi su

Leggi anche

il VERBANO

5 milioni per la Radioterapia all’Ospedale Castelli di Verbania

Redazione

Diocesi

Il consiglio pastorale della diocesi di Novara al lavoro per il Sinodo nazionale

Andrea Gilardoni

Spettacoli per gli anziani al teatro di via Oxilia 4
il VERBANO

Al Kantiere a Possaccio, laboratori sui linguaggi di cinema e teatro

Sergio Ronchi