Condividi su

“4 5 6” è il titolo dello spettacolo della stagione del teatro Faraggiana, a Novara, che sarà rappresentato giovedì 22, alle 21. Scritto e diretto da Mattia Torre è la storia, comica e violenta, di una famiglia che, isolata e chiusa, vive in mezzo a una valle oltre la quale sente l’ignoto.

Padre, madre e figlio sono diffidenti, ignoranti e nervosi. Si accusano, litigano, pregano, si odiano. Ciascuno dei tre rappresenta per gli altri quanto di più detestabile ci sia al mondo. E tuttavia occorre una tregua, perché a casa sta arrivando un ospite atteso da tempo, che può e deve cambiare il loro futuro.

Tutto è pronto, tutto è perfetto. Ma la tregua non durerà.
Lo spettacolo, che vedrà in scena Massimo De Lorenzo, Carlo De Ruggieri, Cristina Pellegrino e Giordano Agrusta, nasce dall’idea che l’Italia non è un paese, ma una convenzione. Dall’idea «che non avendo un’unità culturale, morale, politica, l’Italia – spiegano dalla produzione – rappresenti oggi una comunità di individui che sono semplicemente gli uni contro gli altri. Per precarietà, incertezza, diffidenza e paura, per
mancanza di comuni aspirazioni. 456 è una commedia che racconta come proprio all’interno della
famiglia, che pure dovrebbe essere il nucleo aggregante, di difesa dell’individuo, nascano…

Articolo completo e altre notizie che provengono anche dai restanti territori della Diocesi di Novara si possono trovare sul nostro settimanale, in edicola da venerdì 16 febbraio. Il settimanale si può leggere anche online, abbonandosi o acquistando il numero cliccando direttamente sopra a qui

Condividi su

Leggi anche

l'AZIONE

Patto educativo della città di Novara, un incontro per genitori sabato 20 aprile

Redazione

Pescio
l'AZIONE

Mauro Pescio, autore di “Io ero il milanese”, incontra gli studenti della media Bellini a Novara

Monica Curino

Immagine di frimufilms su Freepik
l'AZIONE

Al cinema a Novara, il programma dal 16 al 24 aprile

Redazione

Paniscia
l'AZIONE

Paniscia contro panissa a Novara: vince la solidarietà

Monica Curino