Condividi su

L’A.P.S. Nati Domani ha portato in scena la tragedia shakespeariana del Macbeth presso il Teatro Cinema Nuovo di Borgomanero. Lo spettacolo, diretto da Giovanni Maria Siniscalco, ha fatto rivivere le vicende dell’ “anti-eroe” scozzese con solo interpreti del genere femminile. Questo ha creato dei cortocircuiti con il testo dal grande spunto riflessivo. Tra l’altro facendo un richiamo, di contro, al fatto che nel teatro elisabettiano di Shakespeare tutti i ruoli erano ricoperti da uomini. Lo spettacolo è il primo dopo il decimo anniversario della scuola, come dichiarato dal regista.

Non è però la prima volta che viene esposta l’opera. Infatti, già nella rassegna teatrale estiva “199 seggiole sotto le stelle” del 2021, Macbeth fu proposto dalla Nati Domani all’ex collegio Rosmini di Borgomanero. Il pregio di questa nuova versione è sicuramente una parte tecnica della scena più curata. D’altronde, nelle rassegne estive, all’aperto, non ci sono le stesse possibilità espressive delle luci. Perché, se è vero che il cast si è tinto di rosa, il colore della tragedia è il rosso, che cerca di entrare in ogni scena. Il rosso delle luci, dei dettagli negli abiti e della scenografia, è un colore onnipresente, e rimanda ovviamente alle crudeltà della lotta per il potere.

Il prossimo spettacolo, che chiuderà anche la programmazione degli spettacoli teatrali di questa prima parte dell’anno al Teatro Cinema Nuovo, chiude anche la rassegna di Nati Domani. “Macbeth” è stato il penultimo evento della seconda rassegna invernale della compagnia teatrale. “499 seggiole in teatro” edizione 2022/2023 si chiude, quindi, con “Edipo Re” il 28 aprile alle 20.30.

Condividi su

Leggi anche

l'INFORMATORE

Le Bandiere Blu premiano le acque di novarese e Vco

Fabrizio Frattini

Foto di Andreas Glöckner da Pixabay
l'INFORMATORE

Cinema Nuovo di Borgomanero, il programma in sala fino al 21 maggio 2024

Luca Crocco

l'INFORMATORE

La Festa dei popoli a Borgomanero, per riflettere su chi ha fame e chi spreca cibo

Gianni Cometti

l'INFORMATORE

Il “ceppo” di corsa con le carriole attorno al campanile restaurato a Gozzano

Rocco Fornara