Condividi su

Spazi più ampi e locali più confortevoli per gli utenti e gli operatori del Consorzio Intercomunale dei Servizi Sociali di Villadossola. 

E’ stata infatti inaugurata, lunedì 27 marzo, la nuova sede del CISS dell’Ossola, in Via Fabbri a Villadossola. Al taglio del nastro erano presenti il Presidente del CISS Giorgio Vanni, il Sindaco di Villadossola Bruno Toscani, insieme all’Assessore ai Servizi sociali Pierangela Borca, il Sindaco di Piedimulera e Presidente della Provincia Alessandro Lana, il sindaco di Montescheno Dario Ricchi e diversi membri di associazioni di volontariato.

I lavori

La nuova sede è stata messa a disposizione dal Comune di Villadossola, che per adeguare i locali ormai in disuso da anni ha sostenuto una spesa di 150 mila euro. I lavori saranno ultimati entro l’anno; è prevista anche la sostituzione degli infissi per una spesa di circa 70 mila euro. E’ stato spiegato che il ritardo nei lavori è dovuto al fatto che è stato necessario acquisire pareri della Soprintendenza, avendo la struttura più di 70 anni, e per problemi relativi all’approvvigionamento dei materiali.

«Avevamo bisogno di una nuova sede – ha detto il Presidente Vanni – per affrontare in maniera più efficiente e più efficace i bisogni crescenti. Sono in aumento le persone in difficoltà, è necessario essere pronti». 

La sede – come è stato spiegato da Vanni – interessa il territorio che da Anzola va a Piedimulera, Pallanzeno, Beura Cardezza, Villadossola e la Valle Antrona. Lo scorso anno, nella sede precedente, sono stati fatti 673 interventi con 479 prese in carico continuative.

«Quando il CISS ci ha proposto di trovare una nuova sede – ha detto il Sindaco Toscani – abbiamo subito pensato a questo stabile; la riqualificazione è stata possibile grazie alla rinegoziazione dei mutui. Per il Comune è importante avere la sede del CISS a Villadossola, anche in considerazione del fatto che abbiamo 500 case di edilizia popolare e quindi molte persone che necessitano di servizi». 

Condividi su

Leggi anche

Diocesi
il SEMPIONE

Don Giuseppe Rossi, il ricordo del parroco martire e la gioia per la beatificazione

Redazione