Condividi su

La sera di domenica 26 marzo, presso il Teatro La Fabbrica di Villadossola, la Compagnia Arcademia ha presentato in anteprima “Sì (forse) lo voglio!”, con la regia di Riccardo Zonca. <<Una commedia musicale coinvolgente e sorprendente – racconta Augusto Quaretta, uno dei protagonisti -. La trama si può riassumere in due righe: per una ragione del tutto imprevista dopo molti anni si ritrova un gruppo di vecchi compagni di scuola, e da lì accade di tutto>>.

<< Si è trattato della prima volta che mi viene proposto di adattare o riscrivere una sceneggiatura – spiega il regista Riccardo Zonca -, ed è stata anche la prima volta che mi sono confrontato con la Compagnia Arcademia. Abbiamo lavorato parecchio, senza badare agli orari, senza preoccuparci di realizzare particolari effetti scenici, o di avere tra le mani una sceneggiatura complessa; l’importante era fare gruppo legando la passione delle “vecchie” glorie di Arcademia e l’energia delle giovanissime leve>>.

I protagonisti

Lo spettacolo è stato interpretato da Antonio Attinà, Roberto Cassone, Federica Catalano, Sara Ceredi, Gaia Cervigni, Anita Di Somma, Maurizio Frisone, Francesca Ienzi, Andrea Marino, Mauro Polli, Daniele Primonato, Augusto Quaretta, Federico Treggiari, Tiziana Trezzi, Patrizia Valente.

La serata è stata organizzata in collaborazione con il Comune di Villadossola e il Rotary Club Pallanza-Stresa, al quale verrà devoluto parte dell’incasso per contribuire alla riqualificazione del parco giochi intitolato a Alessandro Bellomo, che si trova in località Preglia a Domodossola.

Condividi su

Leggi anche

il POPOLO dell'OSSOLA

Una casa mobile a Domodossola per gli atleti disabili grazie alla “cena dello sport”

Redazione

Andrea Bracali, Franco e Andrea Antonello per la Terapia del Sorriso
il POPOLO dell'OSSOLA

Ragazzi disabili diventano “dottori clown” e aiutano chi è in difficoltà a Domodossola

Alessandro Velli

manifestazione contro la guerra in ucraina sir
il POPOLO dell'OSSOLA

Flash mob a Domodossola per dire basta alle guerre in Ucraina e nella Terra Santa

Elisa Pozzoli