Condividi su

Fatica, gioia e stupore. Sono queste le tre parole chiave che sintetizzano al meglio la prima settimana di viaggio, che porta alla vera e propria Giornata Mondiale della Gioventù di Lisbona. Una settimana che è incominciata lunedì 24 luglio per 360 pellegrini della diocesi di Novara, con un viaggio lungo una notte, una tappa a Lourdes e poi l’arrivo a Coimbra, nella serata di mercoledì 26 luglio. Nella diocesi portoghese resteranno fino al 31, quando si sposteranno prima a Fatima per la Messa internazionale e poi a Porto Salvo, vicino a Lisbona, dove saranno accolti per la settimana della GMG e dove ritroveranno gli altri quasi 400 giovani della diocesi di Novara, per i quali il pellegrinaggio incomincerà soltanto venerdì sera.

La fatica e la gioia del viaggio

Fatica perché il viaggio in pullman – la prima notte trascorsa in viaggio nel sud della Francia – ha richiesto molta pazienza ai ragazzi «e ci ha fatto dormire poco e niente. Arrivati poco dopo l’alba a Lourdes il tempo non è stato clemente e tra pioggia e freddo tutti eravamo bagnati e infreddoliti – ricorda Benedetta Loda, di Borgosesia -. Ma subito dopo la gioia, per i sorrisi ricevuti, anche da giovani di altre nazioni e per quelli ricambiati, mentre si condividono momenti di incontro e di preghiera».
La gioia è anche quella per i primi raggi di sole che sono arrivati fuori dal groviglio di nuvole francesi, nel primo pomeriggio, e che hanno dato una svolta alla giornata permettendo ai ragazzi di vivere il luogo affascinante quale è il Santuario di Lourdes.
Stupore, infine, per la facilità con cui i giovani sono riusciti a intraprendere discussioni con giovani da ogni parte del mondo, dall’Australia agli Stati Uniti passando per il Messico. «Abbiamo potuto parlare, ridere e scherzare con persone di tantissimi paesi del mondo, alcuni che arrivavano addirittura da oltreoceano » dice Stefano Gini di Verbania -. Particolarmente toccante, la Processione aux flambeaux: porterò sempre con me il ricordo della strada illuminata dalle candele: un’immagine di fraternità». Anche Sofiya Rovenchuk di Borgomanero è stata colpita dall’unità nella preghiera: «Stupefacente anche osservare la folla immensa attorno a noi: tutti riuniti con un’unica fede».

A Lourdes, con al centro Maria

«La giornata a Lourdes, sui passi di Bernadette, è per tutti i nostri pellegrini una prima tappa importante del pellegrinaggio verso il Portogallo – commenta don Gianluca De Marco, direttore dell’Ufficio diocesano per la pastorale giovanile -. Abbiamo messo al centro della nostra partenza Maria. E così abbiamo intrapreso con slancio il cammino verso Lisbona, dove proprio di Maria il nostro papa ci parlerà. Avremmo potuto fare tappa anche in altri luoghi, ma incominciare qui la Gmg è stata l’occasione per partire accompagnati da Maria».

Insieme ai 65mila italiani

I giovani della diocesi di Novara, 850 pellegrini, si uniranno a Lisbona ai 65mila italiani, provenienti da oltre 180 diocesi, guidati da 106 vescovi e da decine di sacerdoti, religiosi e religiose. Con loro, incontreranno Papa Francesco altre centinaia di migliaia di loro coetanei di ogni parte del mondo. Gli azzurri saranno uno dei ‘contingenti’ più numerosi, se non il più numeroso, tra quelli in arrivo nella capitale portoghese confermando, così, la tradizione che vede quello ‘italiano’ sempre tra i gruppi più folti alle Gmg internazionali. Per loro, una Casa nel cuore di Lisbona: “Casa Italia”: un luogo di ritrovo e punto di informazioni. E una festa: la “Festa degli Italiani” presso il Passeio Maritimo de Alges.

Come seguire l’evento in tv

Sarà possibile seguire passo dopo passo gli eventi della Gmg su Tv2000. A partire da lunedì 31 luglio fino a domenica 6 agosto saranno trasmessi in diretta incontri ed eventi che si svolgeranno a Lisbona.
Martedì 1° agosto alle 19.30 andrà in onda la Messa di apertura che sarà celebrata sulla Colina do Encontro con il patriarca di Lisbona, il cardinale Manuel Clemente. Mercoledì 2 agosto, in diretta alle ore 21, una serata speciale di musica e preghiera dal titolo “Protagonisti, la festa dei giovani italiani a Lisbona”. Sabato 5 agosto sarà trasmessa la visita di Papa Francesco a Fatima per pregare per il dono della pace in Ucraina e la veglia con il Pontefice. Domenica 6 agosto, infine, la Messa di chiusura con il Papa

L’articolo integrale e la galleria fotografica sul nostro settimanale – in tutte le edizioni – in edicola venerdì 28 luglio e disponibile anche in digitale, abbonandoti o acquistando il numero che ti interessa a partire da qui. I partecipanti alla GMG che desiderano attivare l’abbonamento speciale, possono farlo scrivendo direttamente a [email protected]

Condividi su

Leggi anche

Diocesi

Don Rossi è Beato, martire e sacerdote imitatore di Cristo

Fabrizio Frattini

Il Santuario di Boca
Diocesi

La Giornata dell’Amicizia a Boca festeggia i 60 anni e gli anniversari del volontariato sanitario

Andrea Gilardoni

Il primo a sinistra, don Giuseppe Rossi.
Diocesi

Don Giuseppe Rossi, testimone per credenti e non credenti

Franco Giulio Brambilla

Diocesi
il SEMPIONE

Don Giuseppe Rossi, il ricordo del parroco martire e la gioia per la beatificazione

Redazione