Condividi su

Si è tenuta giovedì 22 febbraio, a Novara, la White Coat Ceremony 2024, la cerimonia di consegna del camice a studentesse e studenti che frequentano il terzo anno del Corso magistrale a ciclo unico di Medicina e Chirurgia presso il polo novarese. La cerimonia, che ha riguardato 116 futuri medici, ha avuto il suo momento centrale terrà presso l’aula magna del Complesso Universitario Perrone, in Via Perrone 18.

Dopo i saluti inaugurali del rettore dell’Università del Piemonte Orientale, professor Gian Carlo Avanzi, e delle autorità presenti, la Scuola di Medicina UPO è stata rappresentata dal suo presidente, professor Gianluca Gaidano, e dalla professoressa Sandra D’Alfonso, coordinatrice del Corso di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia.

Come da tradizione, dopo la vestizione, che ha rappresentato in un tempo un momento caratteristico e simbolico dei giovani avviati verso la professione medica e dall’altra un momento emozionante per i giovani, è stato pronunciato un “inspirational speech” da parte del professor Paolo Gasparini, docente di Genetica medica presso il Dipartimento di Scienze mediche, chirurgiche e della salute dell’Università degli Studi di Trieste, Irccs “Burlo Garofolo”. Il docente ha parlato della Medicina personalizzata tra diagnostica genomica e terapie innovative: il ruolo del Genetista medico.

L’articolo con le altre notizie dai territori della Diocesi di Novara si possono trovare sul nostro settimanale, in edicola a partire da venerdì 23 febbraio. Il settimanale si può leggere anche online, abbonandosi o acquistando il numero cliccando direttamente qui.

Condividi su

Leggi anche

Triestina-Novara 2 a 2
l'AZIONE

Novara a Trieste beffato al 93′: finisce 2 a 2

Marco Cito

Nuovo ospedale di Novara, ultima chiamata
l'AZIONE

Novara: ultima chiamata per il nuovo ospedale

Marco Cito

Ponte sul Terdoppio riaperto a Novara
l'AZIONE

Riaperto il ponte sul Terdoppio a Novara

Marco Cito

Aprile
l'AZIONE

Novara: dagli archivi dell’Anpi le storie di partigiani novaresi

Monica Curino