Condividi su

Tornata dopo due anni di stop la tradizionale Festa di San Giulio alla Badia di Dulzago, con annessa fagiolata.

In centinaia si sono ritrovati nel piccolo borgo bellinzaghese per vedere ripetersi questa secolare tradizione.

La Santa Messa presieduta dal novello sacerdote don Giacomo Bovio ha dato il via alla giornata. Con lui hanno concelebrato padre Mario Airoldi, don Pierangelo Cerutti e mons. Giampiero Rampin.

La fagiolata di San Giulio alla Badia di Dulzago

A seguire la statua di San Giulio è stata portata in processione nei cortili del borgo, fino al cortile dove dalle prime luci della mattina cuocevano i paioli della fagiolata. Qui l’intervento del sindaco Fabio Sponghini che ha ringraziato badiotti e volontari che ogni anno lavorano per la riuscita dell’evento.

Don Giacomo ha poi benedetto la fagiolata e il pane di San Giulio che poi sono stati distribuiti ai numerosi presenti. Non sono mancati, come da tradizione, i figuranti in veste bianca a ricordo dei canonici che un tempo, fino all’occupazione napoleonica, vivevano alla Badia: proprio loro hanno servito ai presenti la fagiolata.

La fagiolata di San Giulio alla Badia di Dulzago

Prima visita alla Badia anche per il questore di Novara dott.ssa Faranda Cordella.

Giornata di festa impreziosita anche dalla presenza degli Alpini, della Pro Loco e delle associazioni Cestai, Artificio e Amici del Caffé.

La fagiolata di San Giulio alla Badia di Dulzago

Condividi su

Leggi anche

il RICREO

La scuola primaria di Bellinzago sarà intitolata a Piero Angela

Flavio Bosetti

lasciti testamentari fondazione comunitaria novarese
l'AZIONE

Lasciti testamentari solidali, la campagna della Fondazione Comunità Novarese

Luca Brigada

autostrada
l'AZIONE

Nel 2024 tariffe autostradali ancora più costose che penalizzano Novara

Roberto Conti

Il Comune di Bellinzago
il RICREO

Nella sfida tra Sponghini e Delconti a Bellinzago le strane alleanze che non ti aspetti

Roberto Conti