Condividi su

Il 2024 sarà un anno significativo anche per quanto concerne i restauri nei vari Sacri Monti che insistono sul nostro territorio. Tra Domodossola, Orta e Varallo gli interventi principali riguardano dieci cappelle che torneranno allo splendore originario, spesso grazie a finanziamenti intercettati partecipando a progetti specifici o a bandi proposti da Fondazioni bancarie.

Al Calvario gli interventi riguarderanno le cappelle 2 (Cristo è caricato della Croce) e 10 (Cristo spogliato e abbeverato di fiele) e prevedono il recupero degli affreschi, degli apparati decorativi e delle statue. E’ ormai conclusa e sarà inaugurata a breve la cappella 9 (Cristo Cade la terza volta) dove l’ente di Gestione ha concluso un cantiere per il completo restauro degli affreschi grazie a un contributo della Direzione Cultura della Regione Piemonte.

A Orta i restauri in corso invece riguardano tre cappelle e l’ex locale destinato alla vendita di souvenir. Grazie a un contributo di Fondazione CRT è in fase di rifacimento la copertura della cappella 8 (San Francesco appare ai frati in sogno rapito su un carro di fuoco), mentre con il sostegno di Fondazione Compagnia di San Paolo è stato da poco concluso il restauro delle coperture della cappella 11 (San Francesco ottiene l’indulgenza della Porziuncola).

Grazie a Fondazione Cariplo e Fondazione Comunità del Novarese, invece, sono previsti interventi sulla Cappella Nuova, con un importante azione di messa a norma e adeguamento degli spazi espositivi e della terrazza superiore per finalità di fruizione culturale, e del locale destinato alle informazioni e all’accoglienza (ex souvenir).

Al Sacro Monte di Varallo sono praticamente conclusi gli interventi di manutenzione straordinaria e restauro delle cappelle e dei percorsi della salita pedonale: Cristo bianco e Cesare Maggi.
Si concluderanno a breve gli interventi alle cappelle 11 (Strage degli innocenti) e 13 (tentazioni di Gesù nel deserto) dove si è intervenuti grazie a Fondazione Compagnia di San Paolo sul restauro degli affreschi, su alcune statue ed elementi architettonici. Infine è in corso di assegnazione il cantiere a Cura della Sopraintendenza alla cappella 18 (Gesù al tribunale di Erode) che prevede il restauro degli intonaci esterni.

L’articolo integrale e l’intervista a Francesca Giordano sulle prospettive per il 2024 per l’ente gestione Sacri Monti da lei presieduto sul nostro settimanale in edicola venerdì 2 febbraio, con gli approfondimenti e altre notizie dal territorio. Il settimanale – in tutte le edizioni – si può leggere abbonandosi o acquistando il numero che interessa direttamente qui.

Condividi su

Leggi anche

In Primo Piano

L’azienda di riso più ecosostenibile è a Lumellogno e misura 316 ettari

Gianfranco Quaglia

In Primo Piano

Responsabilità e rischi che aumentano: il mestiere di Sindaco è (quasi) eroico

Alessandro Giordani