Condividi su

Due casette in legno in ogni quartiere della città per lo scambio dei libri. E’ questa l’idea per incrementare il cosiddetto bookcrossing, una pratica che prevede il libero scambio di testi, secondo logiche di sostenibilità, equità e condivisione gratuita per divulgare la lettura.
La mozione è arrivata da Mauro Gigantino di Fratelli d’Italia. «Se riesce a prendere piede a Novara sarà una svolta importante per il connubio della diffusione della cultura e il contrasto al degrado ambientale. Penso alla riqualificazione di ambienti come i parchi, luoghi ideali per lo scambio culturale. Sarebbe bello avere due casette in ciascun quartiere scegliendole zone più frequentate».

Si tratterebbe di casette di legno con una vernice anti umidità. L’idea a Gigantina è nata in un momento particolare: «Sono andato in una discarica e ho visto centinaia di libri buttati lì. Avrei voluto raccoglierli ma era impossibile perchè troppo bagnati. Vedere questo spreco era un colpo al cuore. Tra l’altro è possibile anche regalare i libri alle associazioni. Penso ad esempio ai City Angeles. Si vuole infatti coinvolgere le associazione in modo da diffondendo la notizia della possibilità di interscambio. Un buon libro può far cambiare mentalità».

Altri articoli e altre notizie dai territori della Diocesi di Novara si possono trovare sul nostro settimanale, in edicola a partire da venerdì 29 marzo. Il settimanale si può leggere anche online, abbonandosi o acquistando il numero cliccando direttamente qui


Condividi su

Leggi anche

Triestina-Novara 2 a 2
l'AZIONE

Novara a Trieste beffato al 93′: finisce 2 a 2

Marco Cito

Nuovo ospedale di Novara, ultima chiamata
l'AZIONE

Novara: ultima chiamata per il nuovo ospedale

Marco Cito

Ponte sul Terdoppio riaperto a Novara
l'AZIONE

Riaperto il ponte sul Terdoppio a Novara

Marco Cito

Aprile
l'AZIONE

Novara: dagli archivi dell’Anpi le storie di partigiani novaresi

Monica Curino