Condividi su

Tre giorni con la tradizione e il mangiare del territorio in 36 ristoranti di Novara e provincia. Giovedì 26, venerdì 27 e sabato 28 torna infatti il Paniscia Day, un evento ormai diventato di tradizione.
«Sono felicissima siamo arrivati alla quarta edizione e ci siamo allargati sempre di più – afferma Marta Marangon della Trattoria Cavallino Bianco – La gente ormai si ricorda e chiede. L’obiettivo è quello di non far morire il piatto tradizionale per eccellenza che caratterizza Novara. Abbiamo persone che vengono anche da fuori. E’ apprezzato anche il fatto che il prezzo è lo stesso in ogni ristorante. Le prenotazioni stanno andando. E’ un piatto conviviale che va d’accordo con tanti gusti. Ricordiamo anche che si verrà omaggiati di una cartolina del concorso fotografica che cosa è per te la novaresità».

Tina Cimino, insieme a Sandro e Fabio del BARtali spiegano come «sia un’idea che raggruppa tante persone. E’ anche sinonimo del ritrovarsi insieme».

Per Milena Caniglia del ristorante pizzeria da Ciccio è «una manifestazione veramente organizzata bene perché coinvolge tutti i ristoranti di Novara e provincia e non solo il centro storico. Valorizza il territorio. Noi acquistiamo anche i prodotti della zona».

Marcello Ghunter spiega come sia un successone, siamo già quasi pieni nelle tre serate. Anzi, abbiamo deciso di allungarlo alla domenica. Nel nostro contesto è un piatto diverso dal solito preparato dal maestro panisciat. Abbiamo già acquistato 80 chilo di riso e 200 i verze». Antonio Mercadante del Ristorante all’Olmo afferna anche lui «come sia un evento dalla crescente continua. Il prezzo uguale da tutti va favore nostro ma anche del consumatore finale».

Alla Trattoria del Cascinone, ci dice Franco Ceraso l’attesa è tanta: «Piace la tradizione. Sono molto coloro che aspettano questo momento e poi è un modo di farsi conoscere». Anche Eleonora e Ilaria Giordano di A’Marechiaro «partecipano da semore con grande entusiasmo». Luca Vaccaro dell’Antica Osteria Ai vini farà dei piatti che «richiamano la tradizione novarese interpretandola in maniera personale». «I numeri crescono e siamo molto soddisfatti – spiega Mattia Tosi del Bue di Picche – Siamo anche fuori Novara e la gente comincia a parlarne aspettando l’evento».

Barbara Cirilli e Francesca Zorzetti dell’Osteria dalla Zorze si aspettano «tante persone, abbiamo già pieno il sabato sera». Gianmarco Moroni di 4 Tavoli in Salumeria Moroni ritiene che sia «uno degli eventi di maggior richiamo. La paniscia è un piatto popolare. Noi la facciamo gratinata ad alta temperatura che permette di avere una crosta sopra e dentro morbida». Giorgio Moroncelli del Circolo della Paniscia sottolinea come sia «il piatto di tradizione per eccellenza e ricercato anche dai turisti e noi lo cuciniamo con tanta passione ogni giorno».

Condividi su

Leggi anche

Diocesi
l'AZIONE

Patto per governare le nuove tecnologie, entra nel vivo Passio 2024

Monica Curino

4,7 milioni di euro per lo sviluppo di 41 Comuni del Novarese
l'AZIONE

4,7 milioni di euro per 41 lo sviluppo di Comuni del Novarese

Marco Cito

Giustizia
l'AZIONE

Percorso sulla giustizia riparativa al via a Novara

Monica Curino