Condividi su

NovaraJazz taglia il traguardo dei vent’anni.

Con l’edizione 2023, presentata alla sede storica della Banca Popolare di Novara, il Festival arriva a un traguardo importante, che sarà celebrato dall’1 all’11 giugno.

Tanti protagonisti del panorama jazzistico contemporaneo – italiano e internazionale – e una ricca proposta di attività collaterali, per una festa aperta alla città, al territorio e al mondo.

Oltre 150 gli artisti italiani coinvolti e più di 50 gli stranieri, con 120 musicisti Under 35 sul totale degli oltre 50 appuntamenti.

La ventesima edizione del NovaraJazz è stata presentata dai direttori artistici del Festival, Corrado Beldì e Riccardo Cigolotti, dal sindaco Alessandro Canelli, da Franco Zanetta, presidente della Fondazione Banco Popolare di Novara e da Massimo Marenghi, responsabile Direzione Territoriale Banco BPM.

«Novarajazz – ha riferito Canelli – ormai è un punto di riferimento consolidato e sempre più strutturato, capace di coinvolgere tante realtà, arrivando fino ai centri della provincia al di là dell’abitato novarese».

«La Fondazione è felice di confermare (dopo una collaborazione che dura ininterrotta dal 2006) il suo sostegno al NovaraJazz Festival per la sua 20esima edizione – ha aggiunto Zanetta – pur nelle difficoltà di una fase ancora critica per il nostro Paese e per la nostra realtà locale».

I due direttori artistici: «Ringraziamo la città, che continua a mettere a disposizione di Rest-Art luoghi di grande valore, i nostri partner e sponsor e, soprattutto, il nostro team che lavora tutto l’anno per realizzare il Festival». 

Beldì e Cigolotti hanno quindi presentato il programma

Il fine settimana d’apertura del festival, dal primo al 4 giugno, è interamente dedicato alla scoperta del territorio novarese, con una serie di percorsi tematici che si articolano attraverso la proposta musicale.

Giovedì 1 giugno il programma si apre con l’inaugurazione della mostra fotografica di Luciano Rossetti “Vent’anni di NovaraJazz” (dalle 19 al Broletto Cafè): decine di scatti che raccontano la storia del Festival attraverso lo sguardo di uno dei personaggi più rappresentativi della fotografia jazz.

La serata prosegue con tre appuntamenti tutti a Nòva: Satoyama alle 21, Caterina Palazzi-Sudoku Killer alle 22 e finale con la jam session organizzata con la Scuola di Musica Dedalo dalle 23.

Altre notizie sul nostro settimanale in edicola il venerdì o in digitale, abbonandoti o acquistando il numero che ti interessa a partire da qui

Condividi su

Leggi anche

Grest
l'AZIONE

Grest: prima settimana conclusa a Novara. Le proposte degli oratori

Monica Curino

Diocesi
l'AZIONE

Don Agliati e don Formisano coadiutori alla Madonna Pellegrina e a Galliate

Andrea Gilardoni

l'AZIONE

Dal 22 giugno tornano gli Streetgames a Novara

Marco Cito

Chiesa
l'AZIONE

Visita alla chiesa dell’ex ospedale psichiatrico a Novara

Monica Curino