Condividi su

Dati positivi e diminuzione dei costi per gli oleggesi con la raccolta puntuale.

“A fine 2021 – spiega il vice sindaco Paola Caraglia – anche a Oleggio ha preso il via il progetto di raccolta puntuale del rifiuto non recuperabile. Un progetto che oggi, dopo esser partita tra molte incertezze, opposizioni e timori, ha dato i suoi frutti”.

Quali? “Innanzitutto una diminuzione di costo rispetto alle tariffe Tari precedenti. Per le utenze domestiche abbiamo infatti avuto una diminuzione del 14.55% della quota fissa e dell’8.40% di quella variabile, quindi in media una diminuzione che oscillerà tra il 10 e il 12% circa per ogni famiglia, la parametrizzazione dipende dai metri quadrati e dal numero di componenti, mentre per le utenze non domestiche una diminuzione sulla parte fissa del 9.49% e del 3.80% su quella variabile”.

“Un risultato – spiega il vicesindaco Paola Caraglia – raggiunto grazie a tutti i cittadini che hanno dimostrato una maggiore sensibilità ambientale. Questa percentuale è un sintomo davvero prezioso per raggiungere obiettivi che non sono solo legati alla bolletta ma anche all’impatto ambientale, tema oggi molto delicato. Ringrazio quindi tutti gli oleggesi per il loro contributo e per aver dimostrato grande senso civico e costanza nell’accettare questo cambiamento”.

L’articolo completo sul settimanale in edicola da venerdì 5 maggio e disponibile anche online.

Condividi su

Leggi anche

il CITTADINO OLEGGESE

All’incontro di Confartigianato a Oleggio solo due candidati sindaco su tre

Flavio Bosetti