Condividi su

La figura di Giovanni Battista Pagani è presentata e sviscerata, da vari studiosi, sabato 10 giugno presso villa Marazza a Borgomanero. Si tratta di un padre rosminiano borgomanerese che conobbe sia Antonio Rosmini che Alessandro Manzoni. Questo convegno è organizzato dalla fondazione Marazza con l’Assessorato alla Cultura, Fondazione Comunità Novarese (FCN) tramite il Fondo Pagani.

La presentazione del convegno

Ad accogliere i presenti nel salone d’onore di villa Marazza, è Marco Croce, che ringrazia la comunità novarese di suore rosminiane per la presenza. Tra queste, suor Benedetta, del centro studi rosminiani di Stresa, ringrazia e parla del loro aiuto nelle ricerche. Parla poi l’assessore alla cultura Francesco Valsesia, felice di poter dichiarare «quando andiamo a fondo nella nostra cultura, troviamo delle perle. Convegni come questo sono utili a molti studiosi, italiani e non.»

Dopo un breve ringraziamento di Davide Maggi, presidente della FCN, prende la parola Giovanni Cerutti, direttore della fondazione Marazza. «La cosa che mi sembra importante dell’argomento di oggi è che stiamo raccontando a chi vive su questo territorio da dove viene.» Il direttore introduce la video-testimonianza di Carlo Carena, che comincia ad inquadrare le questioni del convegno.

Gli interventi

Con Carlo Carena si evince che padre Pagani, nato a Borgomanero nel 1806, è stata una presenza importante per le suore rosminiane della città natale. Ed è proprio nella biblioteca Marazza, nel fondo manzoniano, che ci sono i documenti degli studi su padre Pagani.

Paolo Marangon, professore presso l’università di Trento, fa un profilo biografico del personaggio storico, puntualizzando i contatti con Antonio Rosmini e Alessandro Manzoni.

Giovanni Benedetto, professore presso l’università degli Studi di Milano, entra più nel dettaglio sul rapporto con Borgomanero. Include nei vari documenti inediti che mostra, trovati durante ricerche recenti, anche il certificato di nascita di padre Pagani. Questo è stato trovato da Gianni Cometti negli archivi della parrocchia di Borgomanero. Ed è grazie a questi vari documenti che il professore riesce a proporre un albero genealogico della figura storica, anche se ancora speculativo.

Infine, Mattia Ragazzoni, dottorando dell’università di Toronto, enuncia la relazione nel dibattito sulla lingua italiana. Benché padre Pagani era marginalmente coinvolto nella questione, è un passo importante per comprenderne l’importanza storica. Questo dibattito è infatti fortemente concentrato tra Rosmini e Manzoni poco prima del Risorgimento.

Altre notizie dal territorio sono disponibili nel nostro settimanale in uscita ogni venerdì in edicola o anche online.

Condividi su

Leggi anche

l'INFORMATORE

La Festa dei popoli a Borgomanero, per riflettere su chi ha fame e chi spreca cibo

Gianni Cometti

l'INFORMATORE

Il “ceppo” di corsa con le carriole attorno al campanile restaurato a Gozzano

Rocco Fornara

l'INFORMATORE

Nell’antica piazza della pieve di Cureggio il mercato della terra “Naturale!”

Gianni Cometti

l'INFORMATORE

Un pezzo di casa Bonomi al comune di Armeno

Maria Grazia Cereda