Condividi su

“Premio Stampa Club Città di Novara 2022” al pianista e direttore d’orchestra novarese Riccardo Bisatti. La consegna del riconoscimento, mercoledì sera 19 aprile, all’albergo Italia di via Solaroli, a Novara.

Il premio è stato assegnato al musicista con questa motivazione: “Grande rivelazione della musica”.

La prestigiosa targa del Premio, rivolto a chi, con le sue affermazioni, ha portato onore e prestigio a Novara, è stata consegnata a Bisatti dalla presidente del Club Serena Fiocchi, alla presenza di un folto pubblico di soci. Accanto a Fiocchi anche le due vicepresidenti del Club, Enrica Patti e Raffaella Lucariello.

Il racconto del giovane musicista, 22 anni soltanto e già un’importante carriera, è stato accolto con grandi applausi. Bisatti ha raccontato della sua passione per la musica e dei tanti premi, anche internazionali, vinti. Ora direttore d’orchestra al Teatro Regio di Torino, Riccardo Bisatti è sempre proiettato, grazie all’eccezionale talento, verso nuovi significativi traguardi.

Il pianista e direttore d’orchestra si è diplomato in pianoforte con il massimo dei voti e la lode al Conservatorio “G. Cantelli” di Novara con Alessandro Commellato e Renato Principe, perfezionandosi anche in fortepiano e clavicembalo. Ha poi proseguito gli studi di direzione d’orchestra al Conservatorio “G. Verdi” di Milano sotto la guida di Daniele Agiman, dopo aver studiato con Matteo Beltrami a Novara.

Bisatti succede, nell’albo dei vincitori del Premio Stampa Club, a Mariella Enoc, insignita del premio nel maggio dello scorso anno.

Condividi su

Leggi anche

Abc
l'AZIONE

Abc Dono nelle scuole del Novarese: festa finale il 4 maggio con AbcDay

Monica Curino

Rigutini
l'AZIONE

Rigutini: alla scuola primaria di Novara corridoi dedicati all’inclusione e all’accoglienza

Monica Curino

Accensione del riscaldamento a Novara prorogato fino al 12 aprile
l'AZIONE

Novara: riscaldamento, consentita l’accessione per 7 ore al giorno

Marco Cito

Mangiare insetti rappresenterebbe un "ritorno al passato"
l'AZIONE

Mangiare insetti sarebbe un “ritorno al passato”

Gianfranco Quaglia