Condividi su

E’ stato presentato un quadro di Enrico Crespi a Fobello. Il tema dell’opera è quello del battesimo, risale al 1895 e si intitola “La nascita”. L’opera è stata collocata nella sua sede definitiva lo scorso 3 giugno, il Museo del Puncetto, all’ultimo piano del palazzo delle ex scuole che ospita anche il Museo Lancia.

La sottoscrizione per l’acquisto ha infatti funzionato, con la preziosa collaborazione di Fondazione Valsesia che ha permesso di raggiungere quasi l’intera somma necessaria.

Teresa De Filippi, Vice Presidente della Pro Loco di Fobello,aveva comunicato la presenza del quadro di soggetto fobellese presso un noto antiquario. Il Consiglio, presieduto da Andrea Cattin, all’unanimità, aveva accettato di impegnarsi a raccogliere i fondi per acquistarlo ed esporlo permanentemente a Fobello.

Dopo i ringraziamenti a tutti coloro che hanno collaborato con informazioni, notizie, ricerche sul quadro e sulla sua possibile committenza, la parola è passata a Donata Minonzio, già insegnante d’arte presso il Liceo Classico di Varallo e Presidente della Società Valsesiana di Cultura.

Minonzio ha presentato la figura di Enrico Crespi, nato nel 1854, morto nel 1929, allievo di Hayez, attivo a Brera a fine Ottocento. Al termine è intervenuto l’antiquario torinese Marco Viale, spiegando che il quadro del Crespi, arrivato a Torino attraverso una famiglia di collezionisti, è stato semplicemente rinfrescato e consolidato, facendo riaffiorare i colori giusti, ripulendoli dalla polvere che li aveva offuscati.

Leggi gli approfondimenti e altre notizie dalla Valsesia sul nostro settimanale in edicola il venerdì o in digitale, abbonandoti o acquistando il numero che ti interessa a partire da qui

Condividi su

Leggi anche

il MONTE ROSA

Venti anni di EuroPassione a Romagnano da festeggiare progettando il futuro

Redazione

donna stop violenza
il MONTE ROSA

“Ricomincio da qui”, quinto anno del centro antiviolenza di Borgosesia

Redazione

il MONTE ROSA

Il presidente nazionale Croce Rossa tocca con mano la forza dei volontari a Varallo

Redazione