Condividi su

Il Comitato Ceranese di San Rocco odv, che si occupa della conservazione e del restauro della seicentesca chiesa rionale, pregevole bene della comunità ceranese, si è riunito in assemblea ordinaria per approvare il bilancio e per illustrare lo stato delle iniziative.

«Con la fine della pandemia – ha detto il presidente Andrea Ubezio – abbiamo proseguito i lavori di sistemazione del giardino (gran tratto di selciato fino alla grotta di Loudes, sistemazione fontana, posa della statua di San Rocco e delle nuove panche in granito) e abbiamo ripreso i contatti con i responsabili della Soprintendenza dei Beni architettonici e dei Beni culturali per la progettazione del restauro delle volte della chiesa, nostro prossimo importante obiettivo, per la cui realizzazione rilanciamo l’indispensabile raccolta fondi». Inoltre, abbiamo continuato a svolgere le attività di manutenzione dell’edificio sacro, con la collaborazione di alcuni volontari, tra cui Denise e Fabrizio, che ringraziamo».

«A breve, su richiesta della Soprintendenza, – fa sapere Ubezio – saranno completate le precedenti pratiche progettuali, per le quali serve una integrazione con l’esecuzione di nuovi saggi stratigrafici sulle volte della chiesa. Per potenziare il tesseramento all’associazione e la raccolta fondi a sostegno di questo impegnativo progetto, in accordo con l’associazione Cantone Mulino proporremo una iniziativa ad hoc durante l’annuale festa cantonale di luglio».

Articolo integrale sul settimanale in edicola da venerdì 28 aprile e disponibile anche online.

Condividi su

Leggi anche

l'AZIONE

Un’aiuola fiorita targata Anffas e Alberto Mongrandi a Novara all’edicola Varnava

Monica Curino

Terapia intensiva
l'AZIONE

Terapia intensiva neonatale a Novara: un nuovo macchinario grazie al libro sul piccolo Valentino

Monica Curino

Il Novara si salva vincendo 2 a 1 con il Fiorenzuola e resta in serie C
l'AZIONE

Novara FC: almeno sei acquisti per puntare in alto

Marco Cito

Vassalli
l'AZIONE

Vassalli: alla scoperta del giardino segreto dello scrittore novarese

Monica Curino