Condividi su

Otto giorni, da sabato 18 a domenica 26 maggio, che avranno come ingredienti riflessione, preghiera, ma anche spettacoli per i più piccoli, musica, sport e buona cucina. È quanto accadrà, alla parrocchia di Santa Rita, a Novara, per la festa patronale. «Una settimana durante la quale i santaritesi e i fedeli della Santa degli impossibili provenienti da tutta Novara e dai paesi vicini – spiega il parroco, padre Marco Canali – onoreranno Rita, che sarà d’ispirazione per ritrovare il nostro essere comunità fraterna e accogliente. Una Chiesa – aggiunge – in cammino nella quale la comunità si riscopre famiglia di famiglie».

La festa si è aperta il 18 con la messa di apertura. Al termine ecco l’inaugurazione del banco di beneficenza. Si prosegue domenica 19 con la messa delle 11,15 con il ricordo degli anniversari di matrimonio, a cui seguirà un aperitivo per tutti sul sagrato. Alle 20,45, in chiesa parrocchiale, concerto dell’“Ensemble ArtEssenziale” dei servizi socio-educativi del Comune, realtà composta da volontari di “Oltre le Quinte”.
Parteciperà anche il coro “Omnia Vox”. Saranno eseguiti i “Carmina burana” di Carl Orff oltre a brani di
Beethoven e Ketelbey. Gli animatori della parrocchia organizzano e propongono, invece, il “Trofeo Santa Rita”, un torneo che proseguirà per tutti i giorni della festa.

L’articolo completo si potrà trovare, con altre notizie dai territori della Diocesi di Novara, sul nostro settimanale, in edicola da venerdì 17 maggio. Il settimanale si può leggere anche online, abbonandosi o acquistando il numero qui.

Condividi su

Leggi anche

l'AZIONE

Un’aiuola fiorita targata Anffas e Alberto Mongrandi a Novara all’edicola Varnava

Monica Curino

Terapia intensiva
l'AZIONE

Terapia intensiva neonatale a Novara: un nuovo macchinario grazie al libro sul piccolo Valentino

Monica Curino

Il Novara si salva vincendo 2 a 1 con il Fiorenzuola e resta in serie C
l'AZIONE

Novara FC: almeno sei acquisti per puntare in alto

Marco Cito

Vassalli
l'AZIONE

Vassalli: alla scoperta del giardino segreto dello scrittore novarese

Monica Curino