Condividi su

Dopo la vendemmia di alta qualità dell’autunno 2022, gli studenti dell’Istituto agrario Bonfantini di Romagnano continuano a seguire il processo di vinificazione.

Con gli insegnanti, controllano le varie fasi di maturazione del vino, dai travasi alle analisi di laboratorio per verificare il grado di acidità.

Ultimo in ordine di tempo, è stato l’esame olfattivo eseguito assieme ai tecnici di Enartis – azienda enologica presente nei principali paesi del mondo a produzione vinicola – dei vini prodotti dagli studenti del corso di viticoltura ed enologia della sede di Romagnano Sesia, per scoprire le diverse sensazioni gustative influenzate dalla diversa presenza di tannini. 

«Al momento abbiamo imbottigliato i vini bianchi Riesling e Moscato, il rosato di Nebbiolo e l’Orange Wine, ottenuto da una lunga  macerazione a freddo di uve Pinot Bianco e Sauvignon Blanc, determinando la creazione di un vino con una colorazione intensa e lievemente tannico» spiega il docente di enologia Francesco Barbera.

Dall’ottobre del 2021, Enartis ha avviato con il Bonfantini di Romagnano  un progetto per aumentare e migliorare la conoscenza tecnica della filiera enologica, per formare giovani (che diventeranno enologi) e i viticoltori di domani, con competenze professionali specifiche.

L’articolo sul nostro settimanale in edicola venerdì 10 febbraio e disponibile anche online.

Condividi su

Leggi anche

il MONTE ROSA

Dopo 50 anni Cravagliana è tornata la statua del Santo

Lorenzo Maria Colombo

Un gruppo di volontari valsesiani a Roma
il MONTE ROSA

La Croce Rossa e Papa Francesco, i volontari dalla Valsesia a Roma

Redazione

il MONTE ROSA

Borgosesia punta sul robot ortopedico e attirerà pazienti anche da fuori regione

Roberto Conti

Diocesi
il MONTE ROSA

La testa e il cuore alla ricerca di Dio, i giovani della diocesi a Varallo con il vescovo Franco Giulio

Sara Sturmhoevel