Condividi su

Traffico in tilt almeno sino alle 12, con strade congestionate un po’ ovunque, in particolare lungo la tangenziale, questa mattina, lunedì 4 dicembre, a Novara.

A determinare il caos della viabilità la chiusura dell’autostrada A4 Torino-Milano a seguito di un assalto di una banda di malviventi a un portavalori. Rapinatori che, per fuggire, hanno seminato chiodi lungo la strada.

Il traffico ne ha immediatamente risentito, con code tanto in tangenziale quanto in autostrada, come anche nelle strade d’accesso alla medesima tangenziale.

L’episodio si è registrato intorno alle 6,30 a cavallo tra Piemonte e Lombardia, ma in territorio novarese, nella zona di Romentino.

Da quanto si è appreso sinora, a indagare è la Polizia, una banda armata ha tentato di bloccare un furgone blindato, mettendo di traverso un autoarticolato sulla carreggiata.

L’autista del portavalori, che era diretto verso Torino, è riuscito fortunatamente a evitare l’ostacolo e a fuggire, prendendo il casello di Novara Est e facendo fallire l’assalto.

I malviventi, non dandosi per vinti, hanno sparato alcuni colpi d’arma da fuoco, ma nessuno è rimasto ferito. L’autostrada è stata chiusa tra Novara Ovest a Mercallo Mesero.

Sul posto la Polizia scientifica, la Polizia stradale e la Squadra Mobile, che si stanno occupando di rilievi e indagini.

Altre notizie provenienti dal territorio della Diocesi di Novara si possono trovare sul nostro settimanale, in edicola da venerdì 1 dicembre. Il settimanale si può leggere anche online, abbonandosi o acquistando il numero che interessa cliccando sopra a qui.

Condividi su

Leggi anche

Nuovo Pronto Soccorso all'ospedale di Novara
l'AZIONE

Novara: a settembre un nuovo Pronto Soccorso

Marco Cito

"Voci di donna"
l'AZIONE

“Voci di donna” torna a Novara al Circolo dei lettori

Monica Curino

Via Leonardo da Vinci
l'AZIONE

Via Leonardo da Vinci a Novara: al via lavori di costruzione del marciapiede

Monica Curino

l'interno della cupola di novara
l'AZIONE

Riprendono le salite sulla Cupola di Novara dal 2 marzo

Marco Cito