Condividi su

Arrivederci al Re Runfatta che “chiude” il carnevale di Quarona

Il carnevale verso il gran finale anche a Quarona. Dopo la paniccia sul piazzale antistante il salone Sterna, la doverosa visita ai piccoli sudditi delle scuole e la cena del giorno della Giubiaccia organizzata dai commercianti del paese, re Runfatta, le sue concubine e la coloratissima corte mascherata si preparano a concludere l’edizione 2024 dei festeggiamenti carnascialeschi quaronesi. I due appuntamenti conclusivi sono in programma per questo sabato 10, con il Ballo dei bambini che si terrà a partire dalle ore 15 presso lo Sterna (prevista l’animazione di “Marta in Wonderland” e la distribuzione di una buona merenda) e poi, novità di quest’anno, alle 18 la fiaccolata con il rogo finale del fantoccio rappresentante il Runfatta. Il carnevale se ne andrà così tra le fiamme, e le ceneri sparse nel vento porteranno la speranza di una nuova primavera.

La Cena della Pignatta a Varallo prepara il “gran finale” del Carnevale

Si concluderà nei prossimi giorni la breve ma intensissima edizione 2024 di questa secolare tradizione
Arrivano i momenti più salienti del carnevale. Dopo il successo della Cena della Pignatta, tenutasi come sempre presso il salone dei ricevimenti dell’albergo “Italia”, e la bella esperienza della Giurnàa d’la Giubiaccia, re Marcantonio e la sua corte mascherata trattengono il respiro prima di tuffarsi nella baraonda tumultuosa che concluderà come un fuoco d’artificio questa edizione 2024 del carnevale varallese. Il primo appuntamento in programma è per questa domenica 11 febbraio presso il Centro giovanile “Giulio Pastore” di Sottoriva, dove alle 14 inizierà il Ballo dei bambini.

I piccoli sudditi di Marcantonio saranno protagonisti anche dell’evento successivo, la Giurnàa d’la Leugna di lunedì, quando accompagneranno la sfilata fino alla frazione Crevola per raccogliere la legna con cui preparare la paniccia. Re Carcarugu, sovrano del carnevale crevolese, ospiterà poi in via eccezionale i suoi “vicini” di Varallo anche per il Bal d’la Lum, il più antico veglione mascherato valsesiano che quest’anno (visti i lavori al Teatro civico) è stato organizzato la sera del lunedì presso il bocciodromo.

Martedì invece tutti in piazza San Carlo per la preparazione e distribuzione della paniccia, mentre mercoledì il carnevale giungerà al suo tradizionale e commovente momento di chiusura con il Processo ed il rogo di Marcantonio sul ponte Antonini. Il Processo inizierà alle 21 presso la sala cinematografica di Sottoriva e verrà replicato alla stessa ora sabato 17 (in concomitanza con la cerimonia di consegna del premio Lum d’Argento) e alle 17 domenica 25 sempre nello stesso luogo. Il ricavato dell’ultima replica sarà devoluto in favore dell’oratorio.

L’articolo integrale  sul nostro settimanale in edicola venerdì 2 febbraio con gli approfondimenti e altre notizie dal territorio. Il settimanale – in tutte le edizioni – si può leggere abbonandosi o acquistando il numero che interessa direttamente qui.

Condividi su

Leggi anche

Alcuni studenti dell'Alberghiero di Varallo durante l'evento.
il MONTE ROSA

Una “professione per viaggiare”: l’Alberghiero di Varallo che guarda il mondo

Redazione

bici montagna
il MONTE ROSA

Le Salite della leggenda in bici a Prato Sesia arrivano all’edizione numero 10

Redazione

L'Alpe Devero in inverno - roberto marinello, CC BY-SA 2.0 , via Wikimedia Commons
il MONTE ROSA

Alpe Devero: la ciaspolata e scialpinismo del Club Alpino di Borgosesia

Redazione

Immagine di jcomp su Freepik
il MONTE ROSA

Le borse di studio Aldo Pagani agli studenti dell’Ipsia Magni

Redazione