Condividi su

Forse l’inchiesta più difficile per Caterina Martelli, l’investigatrice della Questura di Novara, tanta grinta e grande sensibilità, nata dalla penna di Alessandro Ardizio nel 2018. La poliziotta, infatti, in “Claire”, racconto inserito nella settima stagione de “Le indagini di Caterina Martelli”, avrà a che fare con challenge, hacker, profili falsi, social e, soprattutto, con il suicidio di due giovani studenti.

Dovrà indagare, con i suoi colleghi, su un vero e proprio caso di cyberbullismo. Una vicenda che la lascerà profondamente colpita.

A fare da sfondo, almeno all’inizio della storia, il teatro Coccia, dove l’investigatrice sta assistendo, invitata da un’amica, a uno spettacolo proprio sul tema del bullismo.

La rappresentazione è “Giulietta e Romeo”, rivisitata in chiave moderna. In quest’occasione una studentessa tenta di uccidersi con una pistola nei bagni del teatro. Da qui parte un’indagine articolata e che porterà Caterina e i suoi uomini a scoprire qualcosa di terribile, qualcosa che li sconvolgerà per sempre.

Perché un racconto sul bullismo e perché il Coccia?

«Tutto è partito da una mia visita al nostro teatro. Da tempo – spiega Ardizio – avevo in testa di ambientare nella sala di via Rosselli un racconto con Caterina Martelli. Così come ho fatto con Casa Bossi. Ora sto lavorando a una nuova storia ambientata sulla Cupola.

Articolo completo e altre notizie dai territori della Diocesi di Novara si possono trovare sul nostro settimanale, in edicola a partire da venerdì 23 febbraio. Il settimanale si può leggere anche online, abbonandosi o acquistando il numero cliccando direttamente qui

Condividi su

Leggi anche

Bottega
l'AZIONE

La Bottega Sociale dell’Orto della Bicocca ha aperto a Novara

Monica Curino

Novara-Legnago 2 a 0
l'AZIONE

Il Novara torna al successo: superato 2 a 0 il Legnago

Marco Cito

Vuelta a Novara
l'AZIONE

La Vuelta de España a Novara dopo la tappa del Giro d’Italia?

Marco Cito

Il Timone
l'AZIONE

I ragazzi speciali de “Il Timone” protagonisti di una mostra a Novara

Monica Curino