Condividi su

Il Museo Meina – il cultural park del Lago Maggiore – nasce nel 1889. Un passato glorioso che l’ha reso luogo simbolo della vita culturale lago Maggiore e un periodo di chiusura che ha rischiato di minarne il futuro. Nel 2015 la riapertura. Oggi si propone in una nuova veste con allestimenti interattivi tra natura, storia e nuove tecnologie. Aderisce al network Ville e Giardini del lago.

Il Museo di Meina è un micro mondo per scoprire natura ed esplorazioni con linguaggi multimediali nel complesso storico del Parco dello Chalet. Un’esperienza 4.0. Il direttore è Gianni Dal Bello (nella foto) che spiega: “Fondazione UniversiCà ha in comodato d’uso e in gestione il museo dal Comune. La complessa area è stata oggetto di interventi di riqualificazione.

Lo Chalet Museo è stato riattivato per la creazione di percorsi multimediali e sono stati realizzati  interventi nel parco e all’edificio dell’ex lavanderia. 

Loro aprirono il parco al pubblico, UniversiCà ha la stessa missione. Attualmente c’è un percorso in 4d sulle esplorazioni ed è attiva la magic area per i piccoli che realizzano disegni e li vedono animati su una grande parete.

La riqualificazione più importante è sulle serre, unicum per forma architettonica. Erano fatiscenti e ora fanno parte del percorso di visita con laboratori per le scolaresche. Negli anni sono molti gli allestimenti che si sono susseguiti, sempre nello spirito della famiglia Faraggiana (pioniera nell’ambito delle esplorazioni, della fotografia e nella passione per piante e animali).

Condividi su

Leggi anche

il SEMPIONE

Ad Arona vicesindaco e super assessore di Gusmeroli sono donne

Giulia Dusio

Don Lorenzo Milani
Diocesi
il SEMPIONE

La scuola di don Lorenzo Milani e lo spazio d’incontro tra generazioni, spettacolo ad Arona

Sara Sturmhoevel

l'AZIONE

Tra emozione e studio, maturità verso l’orale. Parlano gli studenti del novarese e borgomanerese

Redazione