Condividi su

Il Novara perde malamente a Verona contro la Virtus per 3 a 0 ed esce al primo turno dei play off. Grossa delusione per i tifosi azzurri che speravano in ben altro risultato e soprattutto in ben altra prestazione.

La squadra di Marchionni ha confermato, purtroppo, tutti i limiti della stagione fatta di alti e (troppi) bassi. Ancora una volta l’undici azzurro ha preso gol nei primi dieci minuti di gioco, una situazione che si è ripetuta per tante, troppe volte in campionato.

Davvero un peccato anche perchè se è vero che la Virtus Verona nel girone di ritorno ha dimostrato di essere una delle squadre più in forma del torneo, questi giorni che hanno portato ai play off si sperava avessero portato un Novara con un piglio ben diverso rispetto all’ultimo match di Trento ma così non è stato.

Tanti troppi gli errori e le disattenzione commesse dagli azzurri.

Questo a partire dal 4′ quando il Novara è andato sotto per un gol di Fabbro con un colpo di testa.

Novara che ha avuto il grande rammarico di aver poi colpito nel giro di un minuto un palo e una traversa prima del raddoppio dei padroni di casa al 34′ con Tronchin.

Nella ripresa il gol che ha chiuso definitivamente i giochi al 47′ ancora con Fabbro.

Ora ci sarà da capire cosa vorrà fare innanzitutto il presidente Massimo Ferranti nel futuro con una squadra che quasi certamente cambierà molto dei suoi interpreti.

Da fare un grande plauso sicuramente a Pablo Gonzalez, entrato nella ripresa e decisamente il migliore dei suoi nonostante il risultato fosse già quasi chiuso.

Questo il commento del ds Pitino: “Peggio di Trento? Non credo, anche se non volevamo finire così. Ci dispiace, la partita era stata preparata con altri presupposti. Non siamo riusciti a concretizzare le occasioni, non abbiamo fatto sì che l’episodio ci potesse cambiare la partita. Le opportunità infatti le avevamo avute. Sintetizza quello che è stata la stagione di quest’anno, dispiace per i tifosi e la società. Potevamo uscire ma in maniera migliore. Non abbiamo affrontato i play off con il giusto entusiasmo necessario, ci è mancato quel qualcosa in più”.

Così mister Marco Marchionni: “Abbiamo incontrato una squadra forte, poi contano gli episodi ma siamo stati al di sotto di quello che speravo. Purtroppo si è conclusa nel peggior dei modi. Ci tenevamo ad andare avanti ma oggi non siamo stati all’altezza. Dobbiamo pensare che potevamo fare molto di più. Abbiamo cercato di fare qualcosa ma stasera non ci siamo stati. Si è rotto qualcosa con la piazza? Non nell’ultimo periodo, già dall’inizio qualcosa si percepiva. Con le aspettative che c’erano si era creato entusiasmo che poi si è spento. I risultati vanno valutati a monte. Avevamo una grande occasione per restituire le cose sbagliate fatte durante l’anno ma non ci siamo riusciti. Spiace perchè volevamo regalare qualche sorriso. Futuro? Bisogna ripartire con le idee ben chiare e creare qualcosa che si era creato l’anno scorso. Io sono tranquillo perchè ho cercato di dare il massimo anche se è giusto che mi prenda le mie responsabilità. Quando si perde 3 a 0 la responsabilità è mia. Una squadra come la nostra esperta non può prendere tre gol a partita, forse non sono stato bravo a farli esprimere”.

Condividi su

Leggi anche

Grest
l'AZIONE

Grest: prima settimana conclusa a Novara. Le proposte degli oratori

Monica Curino

Diocesi
l'AZIONE

Don Agliati e don Formisano coadiutori alla Madonna Pellegrina e a Galliate

Andrea Gilardoni

l'AZIONE

Dal 22 giugno tornano gli Streetgames a Novara

Marco Cito

Chiesa
l'AZIONE

Visita alla chiesa dell’ex ospedale psichiatrico a Novara

Monica Curino