Condividi su

Dopo l’interessamento di Renfe, le ferrovie spagnole, e di un suo partner italiano, fa altri passi avanti la linea ferroviaria Novara-Varallo: pronto il piano di fattibilità che vede d’accordo tutti i sindaci dei Comuni coinvolti.

Un piano che, per quanto riguarda gli elementi più tecnici (come la cadenza delle corse) è stato redatto dall’architetto Fabrizio Farassini con il coordinamento dell’ex presidente della provincia di Vercelli, oggi vicesindaco di Varallo, Eraldo Botta, che l’ha illustrato agli amministratori.

“Siamo partiti con l’obiettivo – spiega Botta – di ripristinare il traffico passeggeri sulla linea assicurando un numero adeguato di corse così da favorire sia i pendolari che i turisti; un altro punto fermo sono le coincidenze per Torino o Milano alla stazione di Novara”. Per centrare i due risultati viene ipotizzato un orario con 13 corse al giorno da Novara a Varallo e altrettante da Varallo a Novara. Da Novara i treni partono ogni ora, alle 7,15, 8,15, 9,15, fino all’ultimo treno delle 22,15; da Varallo prima corsa alle 6, con arrivo alle 6,50, in tempo per prendere le coincidenze per Milano alle 7,05 e per Torino alle 6,56. Da Varallo si parte poi alle 6,54,  7,43, 8,43, e così via fino alle 19,43. “L’intero percorso viene effettuato in 50 minuti, cioè poco più della metà del tempo impiegato con l’auto o il bus. Quindi risparmio notevole di tempo, di carburante, riduzione dell’inquinamento: i vantaggi sono evidentissimi per tutta la valle, sia per i residenti che per i visitatori”.

Botta punta moltissimo sul collegamento ferroviario come volano per il turismo. “Gli orari sono stati predisposti per permettere un collegamento veloce con la Valsesia non solo da Milano e Torino, ma da Roma e Napoli. È questa la scommessa vincente per il futuro della valle”. Per questo la “metropolitana leggera” Novara-Varallo verrebbe affiancata da un collegamento bus tra Varallo e i paesi dell’alta valle ed Alagna. “L’ultima corsa in arrivo a Varallo – assicura Botta – troverà subito la coincidenza per Alagna”. Il piano di fattibilità che è stato redatto dovrebbe accelerare l’interesse di Renfe, la società spagnola che ha manifestato una concreta intenzione di ripristinare alcune delle linee regionali piemontesi dismesse. La linea è stata sospesa dieci anni fa, per quanto si riferisce al traffico passeggeri; col piano di fattibilità pronto si punta al ripristino nel 2026.

Condividi su

Leggi anche

Le prove della Passione sotto la pioggia.
il MONTE ROSA

La Passione al Monte Calvario va in scena domenica 30 giugno

Redazione

Alagna Valsesia
il MONTE ROSA

Turismo in Valsesia, prenotazioni a rilento a causa del maltempo

Redazione

l'AZIONE

Tra emozione e studio, maturità verso l’orale. Parlano gli studenti del novarese e borgomanerese

Redazione

il MONTE ROSA

L’Ensemble Triacamusicale va in trasferta nelle Fiandre

Redazione