Condividi su

111 milioni di euro in più per riuscire a realizzare il nuovo ospedale di Novara Città della Salute. E’ quanto risulta nel nuovo piano economico e finanziario approvato dall’ospedale Maggiore con una delibera del 29 febbraio.

Dopo un comunicato stampa del consigliere del Pd e vice presidente della Commissione Sanità Domenico Rossi nel quale annunciava un’interrogazione in merito, la Regione ha reso note le cifre. «Il nuovo piano economico prevede la ridefinizione della quota in carico al privato che ammonta ora a 330 milioni, per un importo complessivo a base di gara di 530 milioni di euro, e una rata pari a 35,2 milioni per 25 anni».

ll bando precedente prevedeva un costo totale di 419 milioni con una concessione di 19 anni e una rata di 22 milioni di euro per 19 anni (ora ampliata sei anni). In un primo momento erano già previste 26 annualità, poi ridotte a 17 nel 2019 e successivamente di nuovo diventate 19 nel 2023. 

Il primo bando ricordiamo invece che ammontava a 320 milioni.

In questo modo si spera che lle condizioni previste dal bando invoglino le imprese a partecipare alla gara
sospesa lo scorso 29 dicembre.

Con una delibera in data 27 febbraio, la direzione dell’ospedale ha affidato alla società “Principia Ingegneria e Partecipazioni srl” di Torino diretta da Maurizio Grassi, la revisione del piano economico con un incarico pari a 159.868.80.

“L’ultima novità è che sono stati spesi altri 160.000 euro per aggiornare il progetto di fattibilità tecnico-economico con particolare riguardo ai maggiori costi per costruzione e l’impiantistica dice il consigliere Rossi riferendosi alle delibere 155 e 164, rispettivamente pubblicate il 27 febbraio e il 29 febbraio sull’albo pretorio dell’AOU di Novara e annunciando un’interrogazione puntuale “a cui spero l’Assessore riesca a dare risposte circoscritte: è il momento della chiarezza”.

“Evidentemente non è basato affiancare ai tecnici del Maggiore di Novara gli uffici della Regione, come deciso dall’assessore Icardi dopo l’ennesima sospensione del bando. E’ lecito chiedersi, però, cosa è stato fatto in questi mesi se in soli due giorni, stando alle date di approvazione delle delibere, il professionista incaricato ha fornito la revisione del quadro economico e il calcolo della stima sugli interventi strutturali, edili e relativi all’impiantistica” sottolinea Rossi.

“Come mai si rende necessario l’individuazione di una nuova professionalità? Chi ha stilato i precedenti piani? Ma soprattutto le somme investite da quale capitolo di spesa vengono individuate?”.  


Questa la una nota congiunta del presidente Alberto Cirio e dell’assessore alla Sanità Icardi: «La Regione Piemonte ha lavorato insieme all’Azienda ospedaliera e in continuo confronto con il Ministero della Salute, per individuare il percorso che consenta di procedere con la gara e individuare il soggetto privato interessato a realizzare l’opera, superando le difficoltà e l’impasse che si sono creati nei mesi scorsi a causa dell’incremento dei costi del progetto e le osservazioni pervenute dalle imprese. Oggi siamo in grado di condividere con il Ministero il percorso e, con l’approvazione del nuovo impianto finanziario da parte del Consiglio regionale, l’Azienda ospedaliera potrà procedere al più presto con la gara per arrivare alla realizzazione del nuovo ospedale che il territorio attende da tempo».

Condividi su

Leggi anche

l'AZIONE

Patto educativo della città di Novara, un incontro per genitori sabato 20 aprile

Redazione

Pescio
l'AZIONE

Mauro Pescio, autore di “Io ero il milanese”, incontra gli studenti della media Bellini a Novara

Monica Curino

Immagine di frimufilms su Freepik
l'AZIONE

Al cinema a Novara, il programma dal 16 al 24 aprile

Redazione

Paniscia
l'AZIONE

Paniscia contro panissa a Novara: vince la solidarietà

Monica Curino