Condividi su

Oggi pomeriggio, venerdì 26 gennaio, davanti a Palazzo Cabrino, sede del Comune di Novara, sit-in per Ahmadreza Djalali, ricercatore del Crimedim (Centro interdipartimentale di ricerca e formazione in Medicina dei Disastri, Assistenza Umanitaria e Salute Globale) e cittadino onorario del capoluogo.

Il ricercatore si trova rinchiuso in carcere da quasi 8 anni e le sue condizioni di salute non sono buone.

Novara, dove il ricercatore ha a lungo lavorato (era insegnante di Medicina dei Disastri), tiene viva la fiammella di speranza e per questo ha aderito al sit-in promosso dal gruppo di Amnesty International di Novara.

Djalali, di nazionalità svedese e iraniana, è sottoposto a detenzione in Iran dal 2016 e rischia fortemente
“di essere messo a morte – spiegano da Amnesty International – per rappresaglia”.

Comune e Regione Piemonte prepareranno, inoltre, come riferisce il sindaco Alessandro Canelli, che ha partecipato all’iniziativa, un documento da condividere nei rispettivi consigli e che verrà poi inviato al Ministero degli Esteri.

Novara, dunque, non si arrende e con il sit-in conferma la piena solidarietà alla famiglia di Ahmadreza e allo stesso ricercatore.

Altri articoli e altre notizie che provengono anche da altri territori della Diocesi di Novara si possono trovare sul nostro settimanale, in edicola a partire da venerdì 26 gennaio. Il settimanale si può leggere anche online, abbonandosi o acquistando il numero cliccando direttamente sopra a qui

Condividi su

Leggi anche

Donne
l'AZIONE

“Donne che si raccontano” al Broletto a Novara. Interverrà anche il vescovo

Monica Curino

Sbarazzo torna a Novara
l'AZIONE

Nel week end torna a Novara “Lo Sbarazzo”

Marco Cito

Cassiopea
l'AZIONE

Cassiopea e Concentrici, associazioni di Novara, insieme per insegnare l’inclusione ai ragazzi

Monica Curino

l'AZIONE

L’affaire Tortora visto da Sebastiano Vassalli

Fabrizio Frattini