Condividi su

La festa “vera” avverrà a luglio quando a Cravagliana torneranno gli emigrati con i turisti ma già domenica, la messa celebrata in chiesa è sembrata una specie di riedizione moderna della parabola della pecorella smarrita. Che, una volta ritrvata, è motivo di felicità.

La statua del “santo con il libro” era stata rubata ma, dopo cinquant’anni, ha potuto ritornare a casa per la felicità dei fedeli della parrochia e degli abitanti della Val Mastallone.

La preziosa scultura era stata trafugata negli anni Settanta e fortunatamente ritrovata dai Carabinieri di Udine

«Una gioia immensa – conviene il parroco don Giuseppe Vanzan – Questo episodio ci dà la motivazione a curare maggiormente il nostro patrimonio artistico. Nei prossimi mesi, consegneremo questa e altre statue lignee della chiesa a restauratori competenti perchè possano trattarle con l’antitarlo. Poi, ovviamente, le esporremo al pubblico sistemando degli allarmi e, la terza domenica di luglio, in occasione della compatronale della Madonna del Carmine, faremo un festone grandissimo con gli oriundi del paese e i villeggianti. Abbiamo il dovere d’invitare anche anche i Carabinieri di Udine per celebrare degnamente il ritorno a casa della nostra statua».

L’articolo integrale con le altre notizie dai territori della Diocesi di Novara si possono trovare sul nostro settimanale, in edicola a partire da venerdì 12 aprile. Il settimanale si può leggere anche online, abbonandosi o acquistando il numero cliccando direttamente qui.

Condividi su

Leggi anche

il MONTE ROSA

Venti anni di EuroPassione a Romagnano da festeggiare progettando il futuro

Redazione

donna stop violenza
il MONTE ROSA

“Ricomincio da qui”, quinto anno del centro antiviolenza di Borgosesia

Redazione

il MONTE ROSA

Il presidente nazionale Croce Rossa tocca con mano la forza dei volontari a Varallo

Redazione