Condividi su

Da tempo attesi e desiderati, sono finalmente partiti i lavori di recupero della stazione centrale di Novara.

Questa importante opera di “riqualificazione e rifunzionalizzazione”, come indicata dalla società ferroviaria Rfi, segna l’inizio di un ambizioso progetto di restauro che coinvolge l’intero edificio, dalla biglietteria alle sale d’attesa, dalle terrazze al tetto e persino la scritta sulla facciata.

Un investimento di 2 milioni e 798 mila euro è stato destinato a questa rinnovazione, prevedendo un cantiere della durata di almeno un anno e mezzo, pari a 530 giorni lavorativi non consecutivi.

L’appalto è stato affidato all’impresa Quadrio di Morbegno, in provincia di Sondrio.

La prima fase dei lavori sta riguardato l’ex supermercato situato alla destra dell’ingresso della stazione. Sebbene poco visibili dall’esterno, gli operai stanno lavorando intensamente nella parte posteriore dell’edificio, che non è aperta al passaggio del pubblico. Inizialmente, la biglietteria sarà temporaneamente spostata in questa zona, al fine di consentire i successivi lavori di ristrutturazione del salone principale, attualmente occupato dagli sportelli.

Un aspetto cruciale del progetto è l’apertura delle porte principali della facciata per consentire l’accesso dei passeggeri dal fronte dell’edificio, anziché dal lato come avviene attualmente.

Una nuova stazione che permetterà anche di migliorare la percezione di sicurezza.

Approfondimenti e servizio completo sul settimanale in edicola da venerdì 28 luglio insieme ad altri servizi. Qui ci si può abbonare alle nostre testate, scegliendo tra formato digitale oppure cartaceo.

Condividi su

Leggi anche

l'AZIONE

Azzurra Hockey Novara ha incontrato il vescovo

Fabrizio Frattini

Patentini
l'AZIONE

Patentini per un corretto uso dello smartphone: 3.382 consegnati a Novara

Monica Curino

Cavalcavia 25 Aprile richiude
l'AZIONE

Novara: il Cavalcavia XXV Aprile da lunedì 20 torna a senso unico

Marco Cito

Suor Carla
l'AZIONE

Il grazie di Novara a suor Carla Miloni dell’Ambulatorio di Pronta Accoglienza

Monica Curino